Il leader di sinistra  Ousmane Sonko  viene nominato primo ministro del Senegal e promette un
governo dirompente.
L’articolo è pubblicato da Brasil de Fato, 03-04-2024.
Dopo aver prestato giuramento come il più giovane presidente del Senegal martedì,  Bassirou
Diomaye Faye  ha nominato primo ministro mercoledì Ousmane Sonko, che ha guidato
l’opposizione di sinistra al precedente governo di Macky Sall. Sonko è presidente del partito di
sinistra Patrioti africani del Senegal per il lavoro, l’etica e la fraternità (PASTEF), che è stato
collocato nelle campagne dal regime di Sall.
Sia la presidente Faye che il nuovo primo ministro del Senegal hanno trascorso gli 11 mesi
precedenti le elezioni in prigione. Accusato di insurrezione, associazione a delinquere e attentato
alla sicurezza dello Stato, tra gli altri crimini, a Sonko è stato impedito di candidarsi a queste
elezioni ed è stato il principale sostenitore della candidatura vittoriosa di Faye.
Sonko e Faye sono stati rilasciati 10 giorni prima delle elezioni grazie a un’amnistia concessa dal
governo di Macky Sall, che ha dovuto affrontare una grande mobilitazione popolare dopo il suo
tentativo di spostare le elezioni previste per il 25 febbraio a dicembre.
Per ordine del Consiglio elettorale senegalese, Sall ha consegnato l’incarico martedì per
l’insediamento di Faye.
“Ho detto che avremmo lavorato tutti per l’elezione del presidente Bassirou Diomaye Faye. È fuori
questione lasciare che sia lui a portare da solo il peso di questa responsabilità”, ha
detto Sonko dopo essere stato nominato primo ministro. Ha ringraziato Faye per la nomina e ha
salutato un governo separatista. “Qualunque sia il modo in cui guideremo la squadra che
formeremo, daremo tutto ciò che è in nostro potere, senza risparmiare sforzi, per realizzare ciò
che abbiamo promesso al popolo senegalese. Cioè, la rottura, il progresso, il cambiamento
definitivo nella giusta direzione”.
Politico di sinistra e panafricanista, Bassirou Diomaye Faye ha difeso nella sua campagna
elettorale il salvataggio della sovranità nazionale del Senegal attraverso la rinegoziazione dei
contratti minerari, di gas e petroliferi con le compagnie straniere e la ripresa, entro la fine
dell’anno, della produzione nazionale. Faye si è anche impegnata a rafforzare la democrazia del
paese e a stabilire un sistema giudiziario indipendente.
Ex ispettore fiscale, è il quinto presidente del Senegal dall’indipendenza dalla Francia nel 1960. Il
nuovo governo ha bisogno di creare abbastanza posti di lavoro in una nazione in cui il 75 per cento
dei 18 milioni di persone ha meno di 35 anni e il tasso di disoccupazione è ufficialmente del 20 per
cento.